BERLUSCONI: DA PADRE PROSTITUENTE A PADRE COSTITUENTE

20140719-074050-27650304.jpg
Prima leggi, come nelle scorse settimane, di imprenditori che dopo aver fallito, scoperchiano il tetto del proprio capannone per non doverci pagare sopra l’Imu, poi come ieri scopri che in Italia c’è chi si straccia ancora le vesti per Berlusconi. Tra chi gioisce per la sua assoluzione e chi avrebbe gioito per la sua condanna. Siamo davvero uno strano paese…lo dimostra che la prima notizia (quella dei capannoni scoperchiati) avrebbe dovuto essere la prima di tutti i Tg e coprire le prime pagine di tutti i giornali (e la ritrovavi, scritta in piccolo nelle pagine interne), mentre di Silvio da oggi (e chissà per quanto) se ne troverà scritto in tutte le salse su tutte le prime pagine e se ne parlerà in Tg e talk show (benedetta sia l’estate che ce ne scampa per un po’) per chissá quanto tempo.
A me di Ruby, non mi frega una beata mazza. Forse non era così prima quando mi preoccupavo di un presidente del consiglio che mi sputtanava in Europa e nel mondo in questo modo. Senza peraltro, che all’Europa fregasse nulla. O fregava solo per far digerire a noi italioti (sì, oggi ho deciso di usare questo termine) la sua defenestrazione poco democratica, descritta da Zapatero, Bini Smaghi e poi confermata da Friedman con le rivelazioni di Monti, Prodi e De Benedetti.
Sta di fatto che oggi le notizie che mi preoccupano sono altre e sono quelle che spesso e volentieri descrivo su queste pagine, parlando di imprese che chiudono, banche che non erogano più credito (ma con imprenditori che che ne chiedono sempre meno e non per investire ma per la liquidità corrente che manca alle proprie aziende) o nuove tasse che arrivano o altre che si alzano. Parlando di politici corrotti ed inetti, dove non so quale di queste “doti” sia preponderante e preoccupante, di un’Europa e di un sistema in generale ormai completamente asservito al dio denaro, dove il bilancio sociale ormai non conta nulla rispetto a quello finanziario e se due più due deve fare quattro chissenefotte se in certi paesi la sanità non copre più i farmaci salvavita o si abbandonano le cure per i malati terminali (v. Grecia, alla quale l’Italia si avvicina a grandi falcate).
E quindi mi fa specie tutto questo clamore intorno a Silviuccio. Capisco che vederlo passare da padre prostituente a futuro padre costituente faccia specie e anche schifo. Lo fa anche a me, ma le sentenze si rispettano, punto e basta.
Certo, farà piacere a Renzi questa sentenza. Dopo tanto temporeggiare di fronte alle richieste di confronto del M5S, potrà finalmente ratificare (ma non l’ha già fatto?) il patto del nazareno. Dove il Nazareno, in questo odore di nuova santità raggiunta e conclamata, ormai è evidente che sia Berlusconi (del resto non era l’unto del Signore?).
Non si dovrà più fingere, tenere questo amore proibito nascosto, la stampa potrà benedirlo a viso aperto, i grillini saranno di nuovo e sempre i rompicoglioni maleducati e sovversivi e il paese potrà trovare finalmente le riforme che tanto gli servivano. Con una democrazia, che essendo tanto delicata perché la si possa usare senza fare danni, per il nostro bene, verrá messa al riparo nelle mani dei partiti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...