Mese: luglio 2015

RIFIUTI IN LIGURIA: IL MIRAGGIO DEL 65% ED UN CONFLITTO D’INTERESSI ALL’ORIZZONTE

Quando ero piccolo, uno dei primi giochi che ho imparato sulla Settimana Enigmistica è stato quello di unire i puntini. Sarà per quello che oggi, quando leggo notizie su un determinato argomento, cerco sempre di trovarvi un filo conduttore.

Schematicamente, l’argomento che vorrei affrontare è quello dei rifiuti e l’ambito territoriale è quello ligure.

Le notizie sono le seguenti:

nell’autunno scorso il governo Renzi vara il decreto Sblocca Italia, il cui articolo 35 prevede la libera circolazione dei rifiuti sull’intero territorio nazionale

ad ottobre viene chiusa, senza che alcun piano alternativo avesse mai visto la luce, la discarica di Scarpino a Genova che raccoglieva i rifiuti della provincia genovese, la più popolosa delle province liguri

in questi giorni Toti, neo governatore ligure, ha fatto sapere di preparare un nuovo piano rifiuti entro ottobre. Piano che comunque non prevederà la costruzione di un nuovo inceneritore, non tanto per volontà politica, quanto perché la normativa europea prevede che prima si sfruttino totalmente quelli già presenti sul territorio nazionale. Ragione per cui, per accordi tra IREN (proprietaria per buona parte e gestore di diversi inceneritori), la regione Emilia e la Liguria, 200 tonnellate di rifiuti liguri verranno conferiti nell’impianto di Piacenza a brevissimo giro di tempo

A queste tre notizie però dobbiamo aggiungerne altre che chiudano il cerchio e che reputo le più importanti:

IREN ha presentato nel giugno scorso il proprio piano industriale relativo al quinquennio 2015/2020 i cui punti salienti sono a mio giudizio due. Il primo è che l’azienda ha la volontà di acquisire la maggioranza (80% delle quote) di Trm, la società che gestisce l’inceneritore di Torino,di cui oggi detiene il 49% delle azioni, il secondo è che si vuole arrivare a produrre il 90% della propria energia venduta. E siccome non si fa menzione ad acquisizione di nuovi impianti idroelettrici o per la produzione da altre fonti, già mi pare del tutto evidente di come si voglia spingere sugli inceneritori. Ricordo che oltre Torino, IREN gestisce anche quelli vicini di Parma e di Piacenza, ad oggi poco sfruttati, in particolare quello parmigiano per la buona raccolta differenziata prodotta dalla giunta Pizzarotti

– Cilegina sulla torta l’ultima notizia di cui parlare, quella dell’unione che il sindaco di Genova Doria, sta preparando tra AMIU ed IREN. IREN a cui dopo aver di fatto regalato l’acqua, avendo in gestione l’ATO genovese fino al 2032, adesso regaleremo anche i nostri rifiuti. Va ricordato che la Liguria e Genova in particolare sono in notevole ritardo sulla raccolta differenziata (poco oltre il 30%), ben lontani dall’obiettivo del 65% che sarà obbligatorio dal 2020 e sotto il quale si paga l’ecotassa. Quindi la nuova AMIU/IREN dovrà spingere e non poco per migliorare la raccolta attuale

Avete capito ora quale è il filo conduttore che lega queste notizie? Ma soprattutto lo hanno capito gli  amministratori, Doria in testa, pronti a benedire questo accordo? Non è abbastanza palese il conflitto di interessi di un’azienda (Iren) che da un lato dovrebbe migliorare il servizio di raccolta differenziata e dall’altro più spazzatura brucia nei propri impianti e maggiore è il profitto che ne ricava?

Detto questo, mi auguro di sbagliare la valutazione e preferisco fare un giorno mea culpa piuttosto che pagare cifre che serviranno a far guadagnare i soliti padroni della giostra. Di certo, preferisco preoccuparmi oggi, piuttosto che recriminare domani per non averlo fatto

P.S. Questo è l’andamento in borsa di IREN

IREN borsa

Guardate gli incrementi avuti a sei mesi e ad un anno. Ora qualche domanda in più , se non vi bastassero le mie, potete farvele da soli 😉

GREXIT O MENO, TSIPRAS HA GIA’ VINTO

Social network esplodono al NO greco

Tutto gira intorno ad una parola dal duplice significato: compromesso. La Grecia e la Troika possono raggiungerlo oppure tutto ormai potrebbe essere vano (compromesso, appunto…). E alla luce degli ultimi avvenimenti, la seconda ipotesi, con la conseguente uscita della Grecia dall’euro, è sempre più probabile. Ma comunque vada, io credo che che Tsipras abbia già vinto, pur non avendo vita facile sia restando nell’euro che uscendone… Vi spiego il perché della mia considerazione facendo un po’ di cronistoria della vicenda.

A gennaio si sono tenute le elezioni politiche in Grecia, Tsipras si presenta alla guida di Syriza con un programma alquanto ambiguo ma efficace. Vuole la fine dell’austeritá, una politica per una crescita economica che la Troika, coi suoi crediti nei confronti di Atene, rende impossibile. Ma Syriza e Tsipras VOGLIONO RESTARE NELL’EURO. Vorrebbero far cambiare politica alla Troika, ma solo un sognatore (cosa che Tsipras ha dimostrato di non essere ma di essere, invece, alquanto pragmatico) potrebbe crederlo. Ma il popolo sogna di natura e lo elegge “per acclamazione”. Se Tsipras avesse dichiarato di voler uscire dall’euro non avrebbe avuto questo successo. Vuoi perché gli avversari (che già per paura lo tacciavano di populismo) lo avrebbero screditato accomunandolo alla destra estrema di Alba Dorata, vuoi perché la paura la fa spesso da padrona e non ti aiuta se non ti prepari a dovere il terreno per dominarla ed incanalarla a tuo uso e consumo.

Una volta al governo, Tsipras sceglie come ministro dell’Economia, Yanis Varoufakis, economista docente universitario in terra d’America (Austin), deciso e sfrontato quanto basta per essere tacciato di buffonaggine e dilettantismo dai funzionari e ministri della Troika, che di fatto non lo ritengono gradito nei vertici che li vedono contrapposti.

La situazione si trascina per diversi mesi, tra scene di ordinaria drammaticità per il popolo e per le finanze greche, strozzate dai debiti contratti dai governi precedenti. Il clou arriva però a giugno, allorché la Grecia deve onorare un debito di 1,6 miliardi al Fmi, cosa che viene ritenuta impossibile da Tsipras e Varoufakis, stante le difficoltà economiche ateniesi. Ma la Troika ha pronto l’ennesimo piano di salvataggio, fatto di ulteriori lacrime e sangue (riforme), con nuovi “aiuti” buoni solo a strozzare ancor di più l’economia greca, solo per riuscire ad incassare i crediti, conditi da interessi a doppia cifra.

Qua Tsipras sembra cadere e per la prima volta, dubito della sua strategia. Non accetta il piano della Troika, ma fa una controproposta più morbida (trovate tutto in Grexit, il countdown sta scadendo) ma non di molto, tanto che in Grecia si stavano affilando già i coltelli tra le fila di Syriza stessa. Ma avviene quel che non ti aspetti (e che invece Tsipras sapeva o immaginava?): la Troika non accetta, vuole schiacciare del tutto la testa ai greci. E qua Tsipras tira fuori il colpo di genio del referendum…da svolgersi entro due settimane, senza dare troppo spazio e tempo alla propaganda europeista del SI’ all’accettazione delle condizioni della Troika.

Propaganda che comunque si muove, aiutandosi con la sospensione della liquidità di emergenza alle banche greche della BCE. E qua la paura di cui parlavo prima avrebbe potuto fare la differenza, ma l’ha fatta all’opposto. Sentite ad esempio cosa diceva Varoufakis: “Quello che stanno facendo con la Grecia ha un nome: terrorismo. […] Perché ci hanno costretto a chiudere le banche? Per instillare la paura nella gente. E quando si tratta di diffondere il terrore, questo fenomeno si chiama terrorismo. Ma confido che la paura non vinca”. Insomma, risvegliando l’orgoglio greco il NO ha ottenuto il 61%!!! Risultato schiacciante…

Adesso è la Troika ad invocare Tsipras, a cercare una controproposta ed un accordo. E qua altro colpo di genio del duo Tsipras-Varoufakis. Quest’ultimo, l’indomani della vittoria si dimette per non mettere in difficoltà Tsipras nei negoziati.

Ieri Tsipras si è recato a Strasburgo. Tra applausi e fischi ha dichiarato che gli aiuti finora sono serviti alle banche e non al popolo (qualcuno ha ancora dei dubbi???) ma che farà una controproposta promettendo la riforma delle baby pensioni e la rimodulazione dell’iva, ma ponendo come condizione sine qua non,la ricontrattazione del debito.

Sapete cosa succederà? Saranno proposte molto blande (perché dovrebbe peggiorare quelle rifiutate, alla luce della vittoria referendaria???). Se la Troika accetterà, Tsipras avrà vinto mantenendo anche fede a quel programma elettorale tanto ambiguo. Se invece rifiuterà, tanto peggio per l’UE. Tsipras potrà puntare ancor di più il dito e dire di essere stato sbattuto fuori a forza dall’euro e la Troika dovrà spiegare agli altri Stati che l’indissolubilità dell’euro non era un dogma come si voleva far credere.

Non vi ho detto una cosa molto importante…

In questi mesi, Tsipras ha dialogato spesso con Cina e soprattutto Russia, facendo preoccupare non poco Obama che ha fatto pressioni sulla Troika per la ricontrattazione del debito. Ed ieri a Strasburgo Tsipras ha parlato apertamente di questioni geopolitiche facendo ventilare l’idea che si potrebbero aprire le porte del Mediterraneo a forze che non siano della NATO…

Insomma…

Un piccolo stato guidato da un uomo con un coraggio da leone (per qualcuno persino sconsiderato, cosa che non mi trova d’accordo), che sta tenendo in scacco mezzo mondo. Avesse perso il referendum avrebbe terminato la propria carriera politica facendo sprofondare il suo popolo negli abissi. Oggi invece, comunque vadano le cose, lui ha già vinto!!!

P.S. La vittoria potrebbe risultare con uno scotto enorme da pagare, nel caso in cui le istituzioni europee decidano per il muro contro muro totale senza “aiutare” la Grecia nella fase post euro (nel caso si arrivi a questo). Ciò non significa che la storia tributerà comunque a Tsipras i meriti dovuti